13.5.08

Angeli stregati

Non ridere, non ridere
se io cado, inciampo e faccio per andarmene.
Siamo angeli stregati da infinita allegria,
siamo angeli confusi da una grande maestria.

Non ridere, non ridere,
stringimi, stringimi,
parlami, abbracciami…

Io e te, lo sai, siamo esseri sensibili,
siamo spiriti del mondo sulla pubblica via,
siamo angeli stregati da infinita allegria…

Nell’universo segreto (quello che ha senso), sono la figlia naturale del Maestro e di Dalida. Viste le ultime novità del mondo pallonarum, non volevo mettere un collegamento verso questa canzone (graciès, mercès, bon amic català).

Sto molto meglio, e mi mancate tutti!

3 commenti:

barbollaire ha detto...

Grazie cara amica, italiana.
Baci dolcissimi per te.(?)
:¬)*****

maliarda ha detto...

Quanto mi piacerebbe leggerti per bene!

Amb bes, m

Laraenigma ha detto...

M'inchino al maestro! E sono felice che tu stia meglio.
Un abbraccio

Stef