29.4.09

Fare


Un ottimo consiglio, non vi pare? Io me lo offro, questo manifesto.

(“L’originale” ha pure il suo merito.)

La canzone c’entra poco (anche se Monsù è uno che le cose, le fa!), ma mi è carissima e ignoravo che fosse reperibile presso goear.

*bacioni*

26.4.09

L’estate passerà

Ancora una volta sono in difetto con voi, avendo mancato di farvi gli auguri consueti per il fine settimana. Scusatemi: È un anno orrendo per chi, come me, soffre d’asma e allergie.

(Dal punto di vista psicologico non sto male, ma fisicamente sono logorata dallo stress continuo sul luogo di “lavoro”. Concordano, del resto, i miei medici.)

Spero comunque che il vostro fine settimana sia stato gradevole e luminoso!

Un pensiero particolare a chi non sta bene e a chi accompagna i sofferenti.

21.4.09

20.4.09

Nuvole di parole

Altra nuvola di parole fatta con Wordle. Si tratta di parole da un mio blog in lingua inglese.

Ho da segnalarvi delle parole molto più preziose ed importanti: La nuova raccolta di poesie Divagazione, polemica e congedo (2009) di Roberto Corsi, amico fedele e generoso ed artista insigne.

L’opera è liberamente scaricabile. Accorrete numerosi.

Take this waltz


19.4.09

Dodici

Conoscete Wordle? È uno strumento meraviglioso per creare, imparare, rifarsi le idee.

Qui sopra, in versione Wordle, questa poesia, bellissima, di Emily Dickinson.

L’anno scorso, per il 19 aprile, avevo pubblicato una lista di canzoni. Ma non sono più quella del 2008, e quest’anno invece cito madre Emily: “Una persona che muore di fame attribua un’importanza non meritata a cibo lontano”.

(Traduco male, ça va sans dire, siccome i traduttori onesti traducono solo ed esclusivamente verso la lingua madre. Quindi pazienza!)

“Cibo”? Un uomo che ha adoperato violenze (verbali, psicologiche, anche fisiche) nei miei confronti. Uno che ha mentito, nelle cose piccole e in quelle grandi, fin dall’inizio.

Ho creduto, per più di dieci anni, di amarlo. Ma ultimamente, mi accorgo di non essere più una persona che muore di fame. Non sarò “intera”, per carità, ma sono più lucida ed esigente, meno vittima e soggetta alle persone piccole, contorte, abiette, irresponsabili.

Questo cambiamento, poi, lo devo anche a diverse lettrici e diversi lettori di questo misero mio blog. Grazie.

È stata la distanza la cosa saporita.

P.S. Scusatemi se non vi ho fatto gli auguri consueti per il fine settimana, ma ho avuto un’altra crisi asmatica—dovuta, secondo il mio medico duro e poco incline ai sentimentalismi, allo stress provocato dal mio “lavoro”. Aiutatemi a trovare un lavoro in Europa! Grazie—e buon proseguimento di fine settimana! *bacione*

13.4.09

Amica


Oggi è il compleanno di un’amica del cuore, una persona che conosco da quasi trent’anni—generosa, sensibile, di una lealtà feroce, amante e creatrice del bello, del prelibato, di ciò che guarisce, nutrisce, diletta.

Mi è sempre stata vicina, nei momenti belli e brutti della vita—a differenza di certi fair-weather friends, o di altri meschinelli che al limite ti compiangono quando stai male ma non sanno accompagnarti nella crescita.

Basti dire che per il suo compleanno, è arrivato a me il romanzo che vedete sopra. (Se ho capito bene, Marion du Faouët sarebbe una specie di Robin des Bois o Bastian Contrario bretonne.)

Dalc’h mad, amica mia! Ti auguro salute, amore, serenità, successo, abbondanza e tutto ciò che desideri. *bacione*

10.4.09

Buone feste

A chi celebra la Pasqua cristiana, tanti auguri di serenità, pace, amore… e ovetti prelibatissimi.

Certo, il momento è assai difficile, ma la speranza e la gratitudine aiutano sempre a guarire, o almeno a me pare.

Un fine settimana splendido a tutti! *bacione*

P.S. Le diapositive sono in rete. Fatemi sapere come le trovate.

7.4.09

Chag Pesach Sameach

In ogni generazione ciascuno ha il dovere di considerarsi
come se egli stesso fosse uscito dall’Egitto.

Auguro a tutti delle festività di pace, d’amore e di liberazione.

Un pensiero particolare agli sfollati, ai senzatetto, a tutti quelli che soffrono per qualsiasi motivo, innanzitutto le persone sopraffatte dall’amarezza e dal rancore.

L’shanah haba’ah b’Yerushalayim!

6.4.09

Solidarietà

Vi sto vicina.

Per favore, fatemi sapere di iniziative, ecc. Ho vissuto il terremoto del 1989 a San Francisco—spaventoso ma meno catastrofico.

4.4.09

Fare capolino

A tutti, un fine settimana luminoso e appassionante!

L’ho fatto io. Che ne dite?

(Codice scritto a mano, rigorosamente conforme alle norme del W3C. Comme il faut, e come piace a me.)

Opera per il momento incompiuta, ma ci si da fare.